CambiamoCologne

Al servizio dei Colognesi


Lascia un commento

4 novembre, Festa delle Forze Armate.

 

LogoCambiamoCologne

Riportiamo il discorso del Vice Sindaco Marco Garza di domenica alle celebrazioni ufficiali.

…Erano le 12:00 del 4 novembre 1918, quando il comandante supremo dell’Esercito italiano, il generale Armando Diaz, rilasciava il bollettino di guerra n. 1268, meglio conosciuto come bollettino della vittoria…

… Il 4 novembre – Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate – celebra il valore dell’unione dei territori e dei popoli che con il Risorgimento hanno dato origine all’Italia…
In questo giorno il pensiero va a quanti hanno sofferto, sino all’estremo sacrificio, per regalarci un’Italia unita, indipendente, libera e democratica, che noi ricordiamo ogni volta che volgiamo lo sguardo al nostro monumento ai caduti che proprio quest’anno compie 100 anni.

Scriveva Mazzini: “…dove non è Patria, non è Patto comune al quale possiate richiamarvi: regna solo l’egoismo degli interessi…”.
Queste parole risuonano profondamente attuali. Anche noi, nel nostro piccolo, nelle nostre famiglie, nei luoghi di lavoro, nei luoghi della politica e della democrazia, ovunque si costruisce amore per la vita, siamo chiamati a superare una logica individualistica per tornare a vivere e praticare un vero spirito di comunità. Abbandonare l’egoismo come stile di vita; superare la logica del “tanto qualcuno ci penserà” e lavorare insieme per il bene di tutti, comprendendo che i comportamenti di ciascuno hanno sempre e comunque ripercussioni su chi ci circonda…

…Ritengo che la memoria del 4 novembre sia un tributo di riconoscenza, ma al tempo stesso il più profondo e sincero stimolo ad adempiere ai doveri di cittadini italiani ed europei.
La storia ci racconta che la nostra casa sono le Nazioni Unite, l’Alleanza Atlantica e l’Unione Europea, per questo dobbiamo respingere con fermezza i venti che soffiano in direzione opposta… ammiccamenti inaccettabili verso regimi dittatoriali non possono trovare spazio nel nostro paese.

Se ci siamo abituati alla pace, lo dobbiamo, in particolar modo alle nostre forze armate. I nostri militari sono protagonisti nel mantenimento della pace, della stabilità, della salvaguardia dei valori di libertà, giustizia e cooperazione sanciti nella Costituzione….

Parafrasando le Parole del Presidente Mattarella, lottiamo ancora per una pace giusta, fondata sul rispetto del diritto internazionale e sulla libertà e la libera determinazione di tutti i popoli. Il pensiero non può non andare al coraggio delle donne iraniane e all’orgoglio del popolo ucraino.
Perché non vogliamo e non possiamo abituarci alla guerra ma allo stesso modo non possiamo promuovere una resa incondizionata dell’aggredito a vantaggio dell’aggressore…

Impariamo dal nostro passato. Impariamo da chi, vestendo una divisa, conosce il vero valore della pace e impegniamoci personalmente perché il nostro paese ha bisogno di ognuno di noi.
Ricordiamoci sempre le parole del filosofo Marshall McLuhan: Non ci sono passeggeri sulla nave spaziale Terra. Siamo tutti parte dell’equipaggio.
Viva le Forze Armate! Viva l’Italia!

20221019_210828


Lascia un commento

Il bando-beffa sulla Rigenerazione Urbana.

 

LogoCambiamoCologne

Riportiamo un commento del Vice Sindaco Marco Garza sul tema.

 

Il 19 ottobre è stato pubblicato l’esito del bando ‘rigenerazione urbana’ per i Comuni al di sotto dei 15.000 abitanti del Ministero degli Affari Territoriali / Ministro dell’interno.

Avevamo già messo in conto assieme al Comune di Coccaglio che, data la struttura del bando, sarebbe stato molto complesso risultare aggiudicatari. Tuttavia l’esito è stato a dir poco sconcertante. 

Continua a leggere


Lascia un commento

Serata sulle Comunità Energetiche Rinnovabili 20 ottobre 2022.

 

LogoCambiamoCologne

Riportiamo l’introduzione del Vice Sindaco Marco Garza della serata sulle Cer.

Per introdurre questa serata abbiamo deciso prendere in prestito alcune parole di Albert Einstein:

La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato.  L’unica tragedia è non voler lottare per superarla.

Lo so si tratta di parole molto forti ma che ritengo siano il giusto auspicio per tutti noi.

Non abbiamo chiesto questa crisi. Ce la siamo trovata. Certo, l’abbiamo agevolata con decenni di non scelte e di scelte sbagliate in ambito energetico. L’assenza di una seria strategia energetica nazionale, condita con il vizio tutto italiano di darsi una mossa solo quando i buoi sono scappati dalla stalla.

Stasera non c’è spazio per le recriminazioni. Siamo qui per guardare al futuro con rinnovata speranza.

Viviamo un periodo di crisi determinato non solo dalle nefaste conseguenze del conflitto russo ucraino. Visioni troppo semplicistiche, tendono ad omettere di considerare che, la ripresa della domanda di carbone, petrolio e gas naturale dopo il calo dovuto alla pandemia da coronavirus, che ha rallentato la produzione industriale, non è stata accompagnata da un correlato aumento dell’offerta necessaria per soddisfare la crescita della domanda.

Quando la domanda di un bene scarso cresce, secondo le leggi del mercato,  a crescere sono anche i prezzi.

Imprese e famiglie sono state travolte dai rincari. 

Vi do due dati: A causa dell’aumento del prezzo dell’energia 4,7 milioni di italiani hanno saltato il pagamento di una o più bollette luce e gas negli ultimi 9 mesi. Secondo una recente indagine 3,3 milioni di italiani affermano che in caso di ulteriori rincari, potrebbero trovarsi nell’impossibilità di far fronte alle prossime bollette.

I Comuni non sono immuni dal caro energia.

Quest’anno in fase di approvazione del bilancio previsionale abbiamo appostato extra risorse per fronteggiare l’aumento delle bollette senza utilizzare la leva fiscale. Abbiamo inoltre scelto di operare in maniera molto accorta, come farebbero qualsiasi madre e padre di famiglia, cercando di evitare sorprese che potessero inficiare l’erogazione di servizi essenziali; ciò anche per far fronte al vorticoso aumento di costo delle opere pubbliche.

1,8 miliardi di euro. Questa è il maggior costo che i comuni italiani stanno affrontando nel 2022.  Anche Cologne è colpito in maniera importante.

Se vogliamo uscire da questa situazione, evitando che la crisi energetica si trasformi in una crisi sociale, ciascuno deve fare la propria parte. Non possiamo rimanere seduti ad attendere il corso degli eventi.

Partiamo da noi: posticipo dell’accensione dei termosifoni, riduzione delle ore di riscaldamento, riduzione della temperatura interna degli edifici pubblici, maggiore attenzione allo spegnimento di computer e luci, sostituzione dei corpi illuminanti. Sono solo alcune delle azioni messe in campo.

Fortunatamente abbiamo investito negli scorsi anni, implementando la tecnologia Led per l’illuminazione pubblica ottenendo un impianto più efficiente e funzionale.

Non dobbiamo avere paura di prendere decisioni anche impopolari come ripensare le luminarie in vista delle prossime festività natalizie. 

Tutto ciò non basta. Dovremo ripensare i nostri stili di vita.

Le comunità energetiche rinnovabili sono il punto di partenza di un complessivo ripensamento del tema energia e stasera abbiamo la fortuna di avere qui con noi il Sindaco di Rudiano Alfredo Bonetti che ci racconterà l’esperienza del suo Comune e del progetto Pilota. L’ing. Roberto Gregori tecnico esperto in comunità energetiche.

Non da ultimo chiedo al Sottosegretario ai Rapporti con le Delegazioni internazionali di Regione Lombardia Gabriele Barucco, Primo firmatario della Legge lombarda per l’istituzione delle CER.

20221019_21083820221019_211518Screenshot_20220911-134914_Facebook

 


Lascia un commento

COMUNICATO STAMPA: 24 settembre 2022. Parchi pubblici e politiche giovanili.

 

LogoCambiamoCologne

Cologne (Bs), 24 settembre 2022 

 

Se pensassimo ad un parco solo come ad un’area verde, con il suo carico di attrezzature e manutenzioni, ne restituiremmo un’immagine distorta. 

Un parco non è nulla se non lo si considera in simbiosi con le persone che lo vivono.

Per Cambiamo Cologne la progettazione del verde deve partire dalle persone che vivono lo spazio, ancor prima delle questioni tecniche.

Continua a leggere


Lascia un commento

COMUNICATO STAMPA: 13 settembre 2022. Energia & bollette: la Comunità Energetica Rinnovabile Colognese.

 

LogoCambiamoCologne

Cologne (Bs), 13 settembre 2022 

 

Si fa presto a dire energia, si fa presto a dare soluzioni.

La sfida energetica che ci attende questo autunno fa impallidire. Il gas è passato dai 20 euro al Megawatt-ora dello scorso anno alle oscillazioni da capogiro di 200/300 euro di questi giorni. Il grave contesto internazionale scaturito dalla pandemia di Sars covid2 e la guerra in Ucraina ha inasprito una situazione economica già vessata da molte difficoltà. L’inflazione, l’aumento delle materie prime e i costi dell’energia rappresentano una “tempesta perfetta” sia per il nostro Paese sia per le attività economiche ed imprenditoriali.

Continua a leggere